Mirtillo Rosso

  • mirtilloRosso
  • mirtilloRosso
  • mirtilloRosso
  • mirtilloRosso

MIRTILLO ROSSO

MIRTILLO ROSSO (inglese: Lingonberry – nome scientifico: Vaccinium vitis-idaea)

Il mirtillo rosso è un arbusto perenne, spontaneo, sempreverde, di altezza compresa tra i 5 e i 25 cm, eretto, che cresce orientandosi verso l'alto. I rametti sono rigidi e lanuginosi. Le sue foglie hanno una superficie cerosa, sono persistenti, di forma affusolata, di colore verde sulla faccia superiore e verde chiaro sulla faccia inferiore. Il mirtillo rosso fiorisce tra maggio e luglio. La corolla svasata di 5 ÷ 8 mm di lunghezza è bianca o rosata. Le inflorescenze sono densamente localizzate a grappolo sulle estremità dei rametti.  Le bacche sono sferiche e di sapore acidulo.
Il mirtillo rosso è diffuso negli stesi territori del mirtillo nero e cioè in Nord America e nell'Europa centro-settentrionale ed è uno degli arbusti più comuni del sottobosco finlandese dove cresce tipicamente nelle foreste di pini ed abeti poste su terreni secchi e freschi.
Tra tutte le bacche selvatiche, il mirtillo rosso offre il maggior potenziale di raccolto. La raccolta è più sicura rispetto a quella del mirtillo nero perché il mirtillo rosso fiorisce alcune settimane più tardi. In quel periodo, il tempo è più stabile e gli insetti impollinatori sono presenti in grande numero. La produzione è particolarmente abbondante in quelle zone dove le fronde degli alberi sovrastanti non impediscono alla luce del sole di irrorare i germogli. Le piante di mirtillo rosso che producono la maggiore quantità di frutti, sovente, sono localizzate nelle zone aperte dopo l'abbattimento di piante o sotto gli alberi appena piantati. 

proprietà del mirtillo rosso

Il mirtillo rosso contiene una grande quantità di vitamina E ma è anche la bacca selvatica che contiene la minor quantità di vitamina C. Il mirtillo rosso è particolarmente ricco di manganese ed è una buona fonte di fibre. Esso contiene anche numerose tipologie differenti di polifenoli, i cui effetti sulla salute umana sono oggetto di studi e ricerche approfondite. Il mirtillo rosso contiene alti livelli di flavonoidi, specialmente i lignani, le proantocianidine oltre al resveratrolo in quantità simile a quella contenuta nell'uva nera.  Studi scientifici ancora in corso sembrano dimostrare che tutti questi componenti rafforzino le difese immunitarie del nostro organismo, contribuendo a prevenire l'osteoporosi e a ridurre il rischio di infezioni alle vie urinarie. I mirtilli rossi selvatici spontanei contengono maggiori quantità di elementi benefici per la salute, rispetto agli stessi frutti coltivati appositamente per essere commercializzati.

 

Il gusto acidulo del mirtillo rosso è particolarmente intenso, più di quello di tutti gli altri frutti di bosco. In cucina è tradizionalmente utilizzato come accompagnamento nei piatti di carne. Esso viene usato anche come ingrediente di base nelle “zuppe” dolci ai frutti di bosco, nella pasticceria e negli sciroppi. Il mirtillo rosso si conserva surgelato, essiccato, ridotto in polvere, sotto forma di purea, di gelée o di confettura. I mirtilli rossi contengono l'acido benzoico che agisce come conservante naturale e permette alla bacche di conservarsi bene al fresco una volta schiacciate crude oppure immerse in acqua.

 

Avvertenza importante:

il mirtillo rosso può avere effetti indesiderati. In particolare non deve essere utilizzato insieme ai farmaci anticoagulanti o antiaggreganti che rendono il sangue più fluido.

Scopri qui
dove acquistare
le delizie di salute
Newsletter
Email *
Nome *
Cognome


* campi obbligatori